News

Ciao don Igor

 

 ...E pensare che non posso dare, in una condizione così anomala e precaria, una mano concreta mi fa soffrire, ma per ora non posso che assicurare la mia preghiera e sostenervi con il mio combattere ogni istante con fede questa malattia! Ci tengo, seppure con le mie fragilità umane e con i miei tentennamenti, ad offrire il tutto affinché si manifesti il nostro essere unico corpo di Cristo, che è la Chiesa.  In Lui e soltanto con Lui, possiamo trovare la speranza per affrontare il nostro cammino a favore dei nostri fratelli nel segno di una corresponsabilità concreta e operativa. Grazie perché mi siete di uno stimolo di cui ho bisogno, seppure non vedendovi di fronte agli occhi! Chiedo da parte mia a Dio la sua benevola benedizione. 

Igor

 7 marzo 2020
 
Ciao Direttore, grazie per la tua presenza semplice,  mite, carica di amore e di fede! 
Con il tuo  agire silenzioso  ci hai insegnato  il linguaggio dell'amore gratuito, privo di pregiudizi, aperto all'accoglienza e carico di solidarietà. 
Con il tuo sorriso e il tuo essere sempre pronto a stupirsi e gioire delle  piccole cose ci hai insegnato che la vita è un dono prezioso e va vissuta e condivisa senza riserve. GRAZIE! TI VOGLIAMO BENE!
28 aprile 2020

 

Carissimi il Signore ha chiamato accanto a sé il  nostro caro d. Igor. A noi che restiamo qui il compito di imitare la sua bontà, generosità e fedeltà  alla chiesa.  Preghiamo per lui e per la nostra chiesa. Lui dal cielo ci proteggerà.  Vi benedico di cuore.

Il vescovo

Oggi martedì 28 aprile, nel primo pomeriggio, dopo una gravissima patologia neoplastica, il Signore ha chiamato accanto a sé il nostro caro don Igor Di Diomede. Docile allo Spirito e amante della vita, forte e umile, era nato a Giulianova il 9 aprile 1978. Cresciuto a Notaresco, ha maturato la sua vocazione anche grazie al movimento dei focolari, conosciuto in parrocchia. Frequentata la facoltà di medicina veteriniaria presso l’università di Teramo, è entrato in Seminario a Chieti ed è stato ordinato prete il 17 settembre 2006. Già vice parroco a San Nicolò a Tordino e parroco a Poggio Umbricchio, San Giorgio e Macchia Vomano (nel comune di Crognaleto) e successivamente a Valle San Giovanni (nel comune di Teramo), Casanova, Elce, Faieto, Padula, Pagliaroli (nel comune di Cortino) e Fioli (nel comune di Rocca S. Maria), da 6 anni era stato trasferito alla parrocchia di Castelnuovo Vomano (nel comune di Castellalto). Era direttore della Caritas diocesana da 10 anni.

«Don Igor ci affida una grande responsabilità: ­con il suo sorriso e con la sua semplicità ci ha indicato la via della carità vissuta in silenzio – afferma il nostro vescovo, mons. Leuzzi – e mi ha sempre incoraggiato e sostenuto a portare avanti il progetto di allargare gli orizzonti della Carità».

È morto in un momento difficile per la nostra Italia e per tutto il mondo e questo ci impedirà di accompagnarlo – come avremmo voluto – con la celebrazione eucaristica e delle esequie. Nei prossimi giorni il Vescovo, in forma strettamente privata, benedirà la sua sepoltura.

Il cordoglio dell’intera diocesi va alla mamma Lina, al fratello Simone e alla sua famiglia. La comunità parrocchiale e diocesana, attraverso la preghiera personale, lo affida al Signore che ha vinto la morte ed accoglie, per sempre, chi ha sperato in Lui.

_______________

NB: abbiate la cortesia di rispettare il dolore della famiglia e dell’intera comunità diocesana, e il silenzio di questo momento così difficile, evitando di chiedere ulteriori dichiarazioni in merito. Grazie!

_______________

 

 

Don Igor riusciva ad essere qualsiasi cosa per tutti, riusciva a dare a ognuno quello che cercava.
Poteva essere un divertentissimo compagno di gioco per un bambino, un fratello maggiore per un adolescente, un padre per un orfano, un prete, un figlio, un amico vero e un direttore. È proprio la capacità di essere così tante cose che lo rende unico. Impariamo dalla sua semplicità e disponibilità ad osservare, ascoltare e comprendere l’altro e dargli ciò di cui ha bisogno. Semplicemente e naturalmente così come ha fatto lui! (Caterina)

Un grande prete un grande direttore un grande Amico nei cuori di Chi lo ha amato. (Milena) 

Carissimi tutti, ho appena appreso la terribile notizia e ho un nodo ala gola. Avevo seguito il percorso di don Igor negli ultimi mesi e speravo, in realtà, che le cose volgessero al meglio. La notizia di ieri mi ha colto impreparato e mi sento ancora stordito. A nome di tutti i colleghi di Caritas Diocesana Agrigento e del nostro Arcivescovo, Card. Francesco Montenegro (che ho prontamente informato per chiedergli preghiere), sento di manifestare a tutti voi la nostra vicinanza. (Valerio)

Carissimi amici della Caritas di Teramo – Atri, abbiamo appreso la triste notizia della prematura dipartita del carissimo don Igor. Alcuni di noi, compreso il direttore, abbiamo avuto il piacere di incontrarlo e conoscerlo, durante il Convegno di Abano Terme e in altre occasioni promosse da Caritas Italina. Siamo profondamente addolorati, ma anche colmi di viva speranza di poterlo riabbracciare nella comunione dei santi. Porgiamo sentite condoglianze alla famiglia, alla Caritas e all’intera diocesi per questa grave perdita. (Don Nino Basile, direttore Equipe e operatori della Caritas diocesana di Messina Lipari S. Lucia del Mela)

Uniti nella preghiera per don Igor, ci stringiamo a tutti voi in un grande abbraccio di Carità. (Giorgio Pallucco e tutta la Caritas Diocesana di Spoleto-Norcia)

Anna carissima, nel tardo pomeriggio di ieri ho appreso la notizia del decesso di Don Igor! Noi tutte, suore Francescane, che abbiamo avuto modo di conoscerlo, siamo molto rattristate da questa scomparsa. Non sono state tante le volte in cui l'abbiamo incontrato o parlato con lui, ma ti assicuro che ha lasciato un segno nel nostro cuore, nelle nostre vite. A te, carissima e a quante hanno collaborato strettamente con lui, desideriamo far giungere le nostre piu' sentite e vive condoglianze. Siamo certe che la scomparsa del carissimo Don Igor non ce lo porta via completamente, perche' rimangono nei nostri cuori la sua bonta', la sua testimonianza, la sua serenita' e trasparenza! Siamo grate al Signore per questi  doni! Un sentito abbraccio, restiamo vicine attraverso le preghiere, ti salutiamo con affetto! (Sr Clorinda e Suore Francescane Missionarie... da Loreto...)
 
Ciao a tutti! Abbiamo appena ricevuto la notizia della scomparsa di don Igor! Il Signore lo accolga tra le Sue braccia e gli faccia contemplare il Suo volto in eterno! Siamo vicini a tutti voi con la preghiera! Un abbraccio a tutti! (Caritas di Sulmona)

 Carissimi, in questa quarta domenica del tempo pasquale, detta del Buon Pastore e tradizionalmente dedicata alla preghiera per le vocazioni di speciale consacrazione, ci sostiene ancora una volta la consapevolezza che nelle mani del Signore tutto assume una dimensione nuova, unica e originale. Entrando per questa porta e abitando il recinto della comunione ecclesiale abbiamo la certezza di vivere appieno e ripetere col salmista la nostra fede: “Il Signore è il mio pastore non manco di nulla” (Sal 22). Sostenuto da questi inestimabili doni e facendomi interprete del desiderio di alcuni direttori diocesani vi propongo di ricordare nella S. Messa di questa domenica, insieme a don Igor direttore della Caritas di Teramo-Atri che ci ha lasciato martedì scorso, tutti gli altri Sacerdoti, Religiosi, Religiose e Consacrati  italiani che in questi mesi sono morti nell’esercizio del loro ministero; affinché il Buon Pastore, di cui essi sono stati segno e strumento sulla terra, possa accoglierli nel Grande Recinto della Vita Eterna. Uniamo anche l’intenzione per tutti coloro che, operatori delle nostre Caritas o loro congiunti, sono tornati alla Casa del Padre a causa della pandemia in corso. Sia questa nostra comune preghiera segno tangibile di solidarietà, carità e unità dell’unico gregge di Gesù Buon Pastore. Un caro saluto a tutti (Don Francesco Soddu Direttore Caritas Italiana)

 
Carissimi Amici della Caritas di Teramo, abbiamo appreso con grande tristezza della nascita al cielo di don Igor. Difficile trovare le parole giuste per la perdita di una persona cara, in modo particolare per una persona che per l’età è nel pieno del suo vigore. Il Signore però ha disegni imprevedibili; ha voluto cogliere un Fiore nel pieno della sua fioritura per il suo giardino. Vi mancherà tanto don Igor, avete però un amico che intercede per voi e vi darà forza ed energia per continuare l’opera da lui abbracciata con tanto amore a servizio di Gesù, che qui sulla terra incontriamo ogni giorno nelle nostre Caritas in ogni forma di povertà. Vi siamo vicini e preghiamo con voi e per voi il Signore per don Igor e per i suoi famigliari e tutte le persone che gli hanno voluto bene. Caritas Diocesana di Lodi)
 
"Coloro che ci hanno lasciati non sono degli assenti, sono solo degli invisibili: tengono i loro occhi pieni di gloria puntati nei nostri pieni di lacrime" Sant'Agostino. L'Associazione Latinoamericana in Italia #AliOnlus si stringe al dolore che ha colpito la comunità di Teramo per la triste perdita di Don Igor Di Diomede, Direttore Caritas Diocesana di Teramo.

csbarca

liberi di partire, liberi di restare

Logo Sito1

Carta dei servizi